18 aprile 2016 di Mariacristina Coppeto
Cannolo Ammu

Qual è la vera ricetta del cannolo siciliano? Beh, dopo aver visto il video ideato da Daniele Di Michele aka Don Pasta, che fa parte del suo progetto di documentari sulla cucina popolare italiana, in cui la signorina Clara prepara la ricetta dei cannoli di Favignana, mi sono chiesta chissà quando sarei riuscita a mangiare un cannolo siciliano degno di questo nome.

Se non avete visto il video, rimediate subito, lo trovate qui.

Invece, con grande sorpresa e con la benedizione di alcuni siciliani che vivono da anni a Milano, è arrivato Ammu ed è stato subito eletto un autentico angolo di Sicilia su suolo lombardo.

Ammu è un temporary store dedicato al cannolo siciliano, il re della tradizione dolciaria dell’isola. La parola Ammu indica il verso che le mamme siciliane fanno imboccando i figli e si riferisce all’assaggio di qualcosa di prelibato.

A Milano arriva un cannolo espresso, realizzato secondo la ricetta storica di una nobile famiglia palermitana, affinata nel corso degli anni. Ogni giorno partono dalla Sicilia le cialde, preparate da un laboratorio artigianale di Catania, che aggiunge un po’ di cacao all’impasto, mentre la ricotta proviene da un caseificio del palermitano.  Anche le decorazioni, le gocce di cioccolato fondente, la scorzetta d’arancia candita e il pistacchio di Bronte sono fornite rigorosamente da produttori siciliani.

Nel piccolo temporary store milanese, i cannoli vengono assemblati al momento e serviti espressi. Il guscio mantiene la sua proverbiale croccantezza e la farcitura è fresca e profumata. Il cannolo maxi costa 3 euro.

Il successo di Ammu è stato sicuramente preannunciato qualche mese fa a Expo, dove sono stati serviti oltre 130.000 cannoli espressi siciliani, nello stand in Cascina Triulza. Un test che ha convinto Stefano Massimino, appassionato imprenditore catanese, a portare questa e altre selezionate bontà siciliane nel capoluogo lombardo.

Ammu è a Milano, in Corso Magenta 12, fino al 31 luglio. Curiosa di sapere cosa accadrà dopo quella data.

Condividi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *