28 ottobre 2013 di Mariacristina Coppeto
Ricetta:
swiss cheese parade_ok1

Dalla pizza fritta a quella a portafoglio (ripiegata in quattro), dagli arancini ai crocchè, dalla frittatina di maccheroni alle melanzane fritte, passando da ‘o per e ‘o muss fino al tarallo con pepe, sugna e mandorle. Questo, e altro, è lo street food di casa mia, una parte importantissima della cucina napoletana.

A questa tradizione mi sono ispirata per la preparazione della ricetta con cui partecipo al nuovo contest dei Formaggi Svizzeri, promosso in collaborazione con il blog Peperoni e Patate di Teresa Balzano.

swiss cheese parade_ok1

Sono stata fortunata, perché durante un week end di metà ottobre a Napoli, ho trovato al mercatino di Campagna Amica della Coldiretti, un’azienda agricola che vendeva le ultime melanzane di stagione. Quelle paesane, lunghe, di colore viola scuro e senza semi. Pensando alla mozzarella in carrozza, ho sostituito il pane con la melanzana e la mozzarella con Le Gruyère Aoc. Ecco cosa è venuto fuori.

Sandwich di melanzane

Ingredienti: 1 melanzana (di qualità napoletana, lunga e “sottile”), 200 gr di formaggio Le Gruyère, 2 uova, pane grattugiato e farina (per l’impanatura), sale, olio per friggere (io ho usato quello d’oliva).

swiss cheese parade_ok.1

Ho spuntato la melanzana, l’ho lavata e asciugata e ne ho ricavato 24 fette, spesse mezzo centimetro. Ho abbinato le fette due a due, creando dei sandwich, con al centro una fetta di formaggio Le Gruyère, più o meno dello stesso spessore. Per dare la forma tonda al formaggio, mi sono aiutata con un taglia biscotti.

Ho infilato uno stecchino per tener saldi i tre pezzi e ho impanato, passando prima nella farina, poi nell’uovo (appena sbattuto, a cui ho aggiunto un pizzico di sale) e infine nel pane grattugiato, facendo attenzione a creare una panatura spessa e uniforme.

swiss cheese parade_ok

In una pentola dai bordi alti ho scaldato l’olio e ho immerso i sandwich di melanzana, fino a quando non hanno raggiunto un bel colorito dorato.

Il ripieno di formaggio tende a sciogliersi, ma il bello sta proprio in questo: le fragranze e i profumi d’alpeggio si fondono con la morbidezza interna della melanzana, non prima di aver incontrato l’involucro croccante della panatura. Che bontà!

Condividi

6 commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *