4 febbraio 2016 di Mariacristina Coppeto
Collage_Esco

Anche voi siete tra quelli che appena sentono la parola detox gli si drizzano i capelli? Io ci provo a seguire un regime alimentare più sano, ma non sempre riesco a mantenere la rotta. Poi, ti capita di incontrare un bravo chef, come Francesco Passalacqua del ristorante milanese Esco bistrò mediterraneo, che riesce a coniugare perfettamente ricette gustose e cucina “disintossicante” dandoti qualche dritta.

Le sue preparazioni seguono un principio preciso: “la qualità è l’arte di capire i profumi e i sapori nel periodo della loro massima espressione“. Ecco perché Francesco Passalacqua ci tiene a cucinare utilizzando sempre materie prime di stagione. Vi riporto una delle tre ricette che ha preparato durante la sua lezione di cucina dedicata agli ortaggi invernali (cavoli, cime di rapa, trevisana tardiva, rape e carciofi), terminata con un cocktail dalle proprietà digestive Il fruttivendolo di fiducia a base di barbabietola rossa, mela verde e succo d’arancia,  preparato dal mixologist Loris Mauro.

Il laboratorio di sapori #EscoCucina ha in programma altri incontri monotematici (ovviamente si finisce sempre tutti seduti a mangiare allo stesso tavolo) i prossimi sono previsti il 17 e il 22 febbraio. Gli aggiornamenti li trovate qui.

Vellutata di cavolfiore e rafano con tapenade di barbabietola, acciughe e segale

Ingredienti (per 4 persone)

Vellutata
1 cavolfiore bianco
radice di rafano fresca (1 grattatina)
1/2 lt di latte
100 g yogurt greco 0 grassi
pepe

Tapenade
1 avocado maturo
1/2 barbabietola rossa cruda
4 filetti di acciuga dissalati
2 fette di pane di segale

Decorazione
erba cipollina

Procedimento

Per la tapenade: tagliare il pane di segale a cubetti piccoli. Tostare in padella antiaderente o in forno e rendere croccante. Pelare l’avocado e tritare finemente con le acciughe fino ad ottenere una pasta. Tagliare a cubetti piccoli la barbabietola rossa pelata. Unire pane, barbabietola e pasta di avocado e acciughe e miscelare bene. Regolare di sale e pepe.

Per la vellutata: Pulire il cavolfiore separando le cime ed eliminare foglie e tronco. Sbollentare in acqua bollente e salata per circa 4 minuti. Scolare e mettere in un’altra pentola con il latte e terminare la cottura per altri 4 minuti circa. Versare nel frullatore, aggiungere lo yogurt greco, un po’ di rafano fresco grattugiato, il sale e ottenere una crema liscia e densa.

Composizione del piatto: servire in una ciotola, disporre al centro una quenelle di tapenade e decorare con fili di erba cipollina.

Condividi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *