15 marzo 2017 di Mariacristina Coppeto
Frittata di pane

Finalmente eccomi qui di nuovo. Vi sono mancata? Beh, ho la giustifica. Questi mesi sono stati intensi, a velocità doppia, ma ricchi di gioia e di novità. A dicembre è nata Caterina, arrivata in una gelida giornata d’inverno (ma con il sole).

I mesi successivi mi sono serviti per prendere le misure di questa nuova vita a tre, e a dirla tutta siamo ancora in una fase di organizzazione, alla ricerca dell’equilibrio più stabile. È tutto bellissimo, ça va sans dire, ma che fatica!

Intanto, mi godo questo batuffolino che richiede attenzioni ed energie 24 ore su 24 e penso a quanto, in queste occasioni, la semplicità sia il motto da sposare. Il tempo (e a dirla tutta, le forze) per preparare manicaretti è sempre troppo poco, per cui anche in cucina, in questo periodo, la semplicità e il classico comfort food la fanno da padroni.

Mi piace ritornare sul blog, dopo questa pausa, con una ricetta che mi riporta alle origini, all’uso di ingredienti base, di quelli sempre presenti in dispensa. Prodotti poco manipolati e soprattutto una particolare attenzione contro lo spreco di cibi preziosi, come il pane.

Ecco la ricetta che mi ha scaldato il cuore e lo stomaco anche nei momenti più duri e la dedico a chi come me ha accolto o sta accogliendo una nuova vita e a tutti quelli che hanno bisogno di sentirsi stretti in un abbraccio.

Frittata di pane

Ingredienti (per 2 persone)
2 fette di pane raffermo tagliate spesse (io ho usato il pane cafone, ne avevo delle fette in freezer)
3 uova
30 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
1 bicchiere di latte
Sale
Pepe
Olio d’oliva

Procedimento
Ammollare le fette di pane nel latte. Strizzarle bene. Sbattere le uova con sale, pepe e parmigiano. Aggiungere il pane spugnato e sbriciolato. Scaldare una padella con un po’ di olio e versare il composto. Cuocere bene la frittata da entrambi i lati, fino a raggiungere una bella doratura.

Note: se avete in frigo del formaggio e dei salumi, potete aggiungerli alla frittata arricchendola come preferite.

Condividi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *