20 Dicembre 2018 di Mariacristina Coppeto
News Prodotti Ricette
cocktail Ron Millonario

Quest’anno ho proposto ai miei familiari di rendere più “brillanti” le cene delle feste e soprattutto quella di Capodanno. Qualche glitter e un po’ di glam per avvolgere la casa, gli amici e i parenti che saranno con noi in quei giorni.

Il menu è sempre dedicato ai piatti della tradizione, però per creare un clima più conviviale e rilassato, si potrebbe preparare un cocktail elegante e scintillante per chiudere la serata.

Mettiamola cosi, per dare un po’ di brio in più al dopo cena l’ideale è prepararr un buon cocktail, magari a base di Ron Millonario 10 Aniversario Cincuenta, un blend composto per due terzi da rum di 6 anni invecchiati in botti ex-bourbon per garantire facile bevibilità e un gusto vellutato e per il terzo rimanente da rum di 10 anni in botti di sherry spagnolo, che aggiungono ricchezza, spessore e complessità. Un rum peruviano, ideale per creare cocktail pieni di carattere o da gustare on the rocks.

Il cocktail dedicato alle feste è un Martinez Contaminado che con quel tocco di polvere d’oro stupirà davvero gli ospiti. Ho avuto modo di provarlo durante una degustazione evento a casa Lago, a Milano, e devo dire che ha riscosso molto successo, sia alla vista che al palato.

Non mi resta che lasciarvi la ricetta e augurarvi delle feste super sparkling.

Rum peruviano

Martínez Contaminado (creato dal bartender Gabriele Tammaro)

35 ml Ron Millonario Decimo Cincuenta
25 ml Vermouth Lillet Rouge
10 ml Mastiha Roots (liquore greco)
3 gocce Boker’s Bitter

Versare gli ingredienti in un mixing glass. Aggiungere il ghiaccio e mescolare per una ventina di secondi. Filtrare in una coppa e aggiungere un cubo di ghiaccio. Guarnire con polvere d’oro.

Al palato:
Ricco e d’impatto, con i tratti caratteristici di Ron Millonario: cioccolato, prugne secche, uvetta, albicocche. Un accenno di pepe. Rimane comunque molto pulito e beverino nonostante l’elevata gradazione.

Il retrogusto:
Pulito, con una certa asciuttezza vinosa data dalle botti di sherry che ben accompagna l’impostazione generale tendente al dolce.

Condividi

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.